Ri…Dico

Rispondo molto volentieri ai commenti lasciati da tre autorevoli lettori. Mamma mia, mi avete crocifisso per bene. Ma sono contento di sentire il vostro parere.

Flamel, ammetto che non mi sono addentrato nella questione dei particolari specifici, che alla fine, come sottolinei tu, è quella che conta davvero per valutare la bontà di un provvedimento legislativo. In effetti alcuni particolari sembrano piuttosto strani pure  a me, penso però siano conseguenza del fatto di voler stipulare un contratto simile al matrimonio ma al di sopra dei sessi.

Prado, ho espresso nel post la mia convinzione circa la bontà del matrimonio. Tu hai ragione dicendo che le coppie dovrebbero avere più coraggio, tanto più che io non sono per la convivenza, come Paola ben sa, tuttavia ci possono essere casi in cui il riconoscimento legale di un certo legame sarebbe lecito. E’ giusto che in certi casi vengano condivisi i diritti e doveri delle coppie sposate. Dopotutto ci sono coppie conviventi molto più solide e felici di coppie sposate in chiesa. Certo che vivere la convivenza come fosse un comodato d’uso non ha senso; non ci si può scaricare così impunemente.

Fosse per me, Augu, io non solo rifonderei la Chiesa ma la abolirei come istituzione terrena. E’ anacronistica e non sa nemmeno dove sta andando. Se vogliono diventare dogmatici e fondamentalisti lo facciano, ci guadagneranno sicuramente. Ma, ed è la scintilla scatenante del mio discorso, non possono permettersi di interferire, seppur velatamente, con la vita politica italiana, europea o mondiale. Io comprendo, almeno credo, il mio acerrimo nemico, ma temo che siano loro a non comprendere come funziona il mondo.

Andando a ruota libera, ricordo che tempo fa riflettei sul futuro dei legami familiari, sulla loro evoluzione in tempi lontani a venire. Da vorace lettore di fantascienza ho avuto a che fare con ogni sorta di estrapolazione nel campo: unioni a tre, nuclei di individui gestiti come branchi democratici, assenza di relazioni stabili perché si punta solo al piacere sessuale momentaneo, strani incroci parentelari, etc. Voglio dire, il concetto di famiglia è cambiato molte volte nell’arco dei secoli, da matriarcale a patriarcale, a seconda delle regioni e delle culture, quindi perché fermarsi a quello che è in voga da qualche secolo? La sperimentazione sociale è una delle poche spinte evoluzionistiche che ci restano, non è giusto imbrigliarla. Lo status quo a tutti costi porta solo stagnazione e vediamo bene come finiscano oggi i matrimoni.

Sarebbe così scandaloso, ad esempio, legalizzare il concetto di poligamia, maschile e femminile? Io per esempio sono un amante del concetto di grande famiglia contadina, dove più generazioni convivevano negli stessi spazi portandosi mutuo sostentamento. Eppure oggi questa tipologia è praticamente scomparsa; eppure la si potrebbe rivitalizzare se fossero riconosciuti certi diritti ad aggregazioni di persone formanti una famiglia-estesa.

Pensiamo anche che ci sono culture in cui il matrimonio non è legato a dettami religiosi. Ho detto, mi pare, che la tendenza naturale dell’uomo sia di formare una coppia; per questo la legittimazione di questo legame è universalmente riconosciuta di fronte alla società. Però ribadisco che le mutate condizioni sociali devono necessariamente tradursi in un cambiamento di questa tipologia di rapporti. Probabilmente si dovrebbe rivedere tutto il sistema da principio, per non commettere errori troppo grossi.

Advertisements

One thought on “

  1. Flamel says:

    Come sempre interessante e lucido…
    Sul matrimonio posso dire solo che era già presente nella roma della repubblica (e quindi precristiana).
    Un matrimonio diverso, più flessibile, ma sempre con determinati caratteri distintivi (monogamia, “diritto di recesso”, anche unilaterale..)…
    Quindi non è un istituto prettamente cattolico..
    Si hai ragione, il modello della famiglia allargata sarebbe il migliore, concordo in pieno…
    =D

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: