Viulenza!

Sbabbari!!
Ieri sono calati gli Unni sull’Italia, giusto? Perché solo i barbari si comportano così incivilmente. Ma almeno quelle storiche popolazioni erano spinti da motivazioni di sopravvivenza. Lo stesso non si può dire circa quei teppisti che ieri hanno creato disordini in molte città: vandalismo allo stato puro, di quello che non ha cause reali, ma basta un semplice pretesto perché si scateni.

Diamo pure molte colpe alla stampa, che ha messo in risalto l’appartenenza ad una tifoseria del giovane ucciso. Diamo le colpe al poliziotto che ha usato impropriamente un’arma da fuoco. Ma diamo le maggiori colpe a chi non aspettava altro per attacar briga verso le forze dell’ordine. Un segno tangibile di inciviltà quello di scagliarsi contro le forze di Polizia e Carabinieri, degno della più gretta propaganda anarco-insurrezionalista. E questo clima di semirivolta viene respirato e frainteso da tanti giovani, mentre non c’è risalto e pochi sforzi vengono fatti per educare alla legalità, al rispetto dell’ordine e dei suoi tutori. Educazione che vale tanto per il cittadino quanto per il tutore stesso, che non può abusare della sua autorità, cosa che avviene in date situazioni.

Come tutte le storie italiane anche questa si perderà in un nulla di fatto dopo qualche giorno di indignazione nazionale.

Advertisements

3 thoughts on “

  1. xxLucreziaxxx says:

    Mi chiedo anch’io come sia possibile che ad oggi accadano ancora certe cose.

    Si, credo farò così…alternerò vecchi post ai nuovi. Quanto all’hacker…in fondo so già chi è senza bisogno di nessuna indagine.

  2. Flamel says:

    Io vedo la cosa da un’altro e diverso punto di vista..
    La cosa è stata strumentalizzata molto dai media per vendere, creare la notizia, e la “rivolta” è quanto meno sintomatica di un malessere diffuso, non credo assolutamente che si possa parlare di psicosi, follia collettiva, ma che anzi la situazione degenerata sia quantomeno sintomatica di un qualche malessere latente.
    Forse l’omicidio (si parla di un testimone che l’ha visto sparare a braccia tese..) è stata solo la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.
    La verità è che viviamo nel paese democratico dove la legge ha occupato i più disparati ambiti (riducendo, e anche forse azzerando, quelli liberi), si presume che da noi vi siano circa, circa, 3.000.000 (tremilioni) di articoli di legge (in america meno di mille leggi, francia e germania tremila circa)..
    Insomma, a ridurre la libertà, ridurre ridurre la gente immagazzina immagazzina e alla fine scoppia.
    Lungi da me giustificare, ma..

  3. karagounis78 says:

    Non credo sia un problema di limitazioni della libertà. Nel nostro caso tutti questi articoli di legge non fanno altro che intasare le giustizia, poichè di sicuro molti si parlano l’uno sull’altro. Occorerebbe snellire per garanitre equità e certezza della pena.
    Io ritengo che la gente onesta si disinteressi di certi limiti, perchè sono sufficientemente ampi da consentire una vita tranquilla e varia. Sono i teppisti che vedono limiti anche dove non ci sono.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: