Plastica…mente

Siamo sicuri che avere una mente elastica sia un aspetto completamente positivo? La proprietà elastica permette di adattarsi al meglio, di assorbire degli stress a cui si è sottoposti, ma si manifesta soltanto sotto l’azione di forze esterne. Quando queste interrompono la loro azione l’elemento elastico torna alle condizioni iniziali e perde tutte le caratteristiche guadagnate nei processi precedenti. Perciò si deve sempre essere in tensione per sfruttare la massima reattività.

Meglio allora sarebbe avere una mente perfettamente plastica: si adatta al nuovo quanto l’elastica ma non ritorna spontaneamente al precedente stato se scaricata. Certamente occorre del tempo perché il cambiamento sia definitivo, perché ogni parte della mente si sia adattata, e questo può essere uno svantaggio. In questo caso è la distensione a dare i migliori risultati e, particolare non trascurabile, gli stati precedenti restano tracciati.

Sicuramente tra le due tipologie io ho una mente del secondo tipo. Al cambiamento io rispondo con una certa inerzia iniziale che col tempo viene mitigata dalla riflessione e dalla presa di coscienza. Giunto al nuovo stato ritrovo un equilibrio stabile e difficilmente penso di tornare indietro. Comunque mai baratterei questa tendenza per una maggiore elasticità.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: