Historia magistra vitae

Riflettevo sul fatto che la storia, affascinante e più ricca di qualsiasi romanzo possiamo aver scritto od immaginato, può avere sul presente, qualunque esso sia, un duplice effetto.
Mi piacerebbe paragonarla ad una melma fangosa che in taluni casi invischia e soffoca, come le sabbie mobili, le sue prede, mentre in altri è simile ad un fertile limo che alimenta il terreno su cui si posa. La differenza la fa l’atteggiamento che noi abbiamo verso di essa.

Soffermarsi troppo e rimirarla sospirando, ripensando allo splendore ed alla semplicità dei tempi antichi, porta sicuramente al primo caso. Voler rivivere le epoche passate o voler conoscere ed abbracciare tutti gli eventi occorsi porta l’esserre umano a vivere al di fuori del suo tempo, in un limbo che rende tutto opaco e degenerato.
Viceversa carpendo gli insegnamenti della storia, facendoli nostri, possiamo usarla come enorme forza propulsiva per il futuro. Lo sguardo sarà rivolto avanti, non già indietro, ma sarà il vento del passato a sospingerci verso nuovi lidi. E’ un atteggiamento però molto più difficile da sostenere, un camminare sul fil di lana.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: