Matrix mon amour

Spesso mi si accusa di essere inquadrato come i cavalli. Solo per il fatto di essere ingegnere non vuol dire che ciò corrisponda a verità. Ammetto di non avere fantasia, ma supplisco perseguendo un’altra via.
Pensare fuori dagli schemi significa pensare in modo trasversale ad essi, non ritrovarsi per troppo tempo in nessuna categoria e venirne così assorbito, essere capaci di sempre nuovi slanci. tutto ciò, che minimamente si adatta al mio ingegno, però non fa seguire la capacità di creare un nuovo schema seppur personale, perchè sarebbe violare la definizione stessa testè data.

Ed è qui che entro in scena io. Io non sono nè dentro gli schemi nè fuori, io semplicemente penso gli schemi! E me ne accorgo ogni giorno lavorativo che passa: adoro trovare nuovi modi per inserire, catalogare, guardare, analizzare i dati forniti dal sistema informativo aziendale in modo da poter rendere più agevole e chiara la gestione della documentazione dell’ufficio. Se fossi rinchiuso nello schema preesistente non potrei dare un grande contributo, sarei un passacarte; se fossi fuori dagli schemi per contro non potrei assoggettarmi ad un sistema così rigido di catalogazione. PEr fortuna guardo oltre, vedo la situazione dal di sopra, da una nuova prospettiva. Apporto migliorie ma non invento, creo senza creare…
Un perfetto tao-manager.

Advertisements

8 thoughts on “

  1. anonimo says:

    In pratica una segretaria.

    (PS: Griogair ha fatto un numero che ti avrebbe fatto piangere domenica)

  2. pibond says:

    Agli “scassacazzi” occorre una speciale licenza aziendale. Ma tu ce l’hai?

  3. karagounis78 says:

    In realtà non ho ancora la superlicenza da rompicoglioni.
    Comunque sto impestando i file excel dell’ufficio di macro…mi guadagno le stellette sul campo. Un giorno sarà tutto sotto il mio dominio!

  4. pibond says:

    Auguri … e buon divertimento. Ma … attento! Per esperienza personale la diffusione di macro ad uso personale recano danno al sistema informativo aziendale, perchè ognuno registra i dati secondo i propri interessi. A meno che? La superlicenza sia già in tasca tua!

  5. karagounis78 says:

    La superlicenza è quasi pronta. Ancora un paio di aggiustamento alla Macro e poi sarò pronto per rilasciare il Supertool_K. I colleghi dovranno abituarsi ad un nuovo modo di concepire la gestione dati dell’ufficio…tremate!

  6. pibond says:

    Bravo! Ma stai attento, perchè quando stai per fare 31, ecco spunda il Grande Capo che dice: “Bello! Ma non fa le uova fritte”!

  7. karagounis78 says:

    In effetti sono un imcompreso. Le mie macro piacciono ma spesso i colleghi non capiscono bene perchè dovrebbero usarle, in cosa possono aiutarli. Non si applicano per capire.

  8. pibond says:

    Una delle cose più difficili in questo mondo è far capire perchè si deve cambiare qualcosa.
    Il sospetto e la pigrizia sono quanto di peggio circola in giro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: