Monthly Archives: September 2009

Bendandi ed il metodo scientifico

Guardando Voyager ho scoperto l’interessante storia di Bendandi, uno studioso autodidata che si diceva in grado di prevedere i terremoti.
Al di là della reale validità delle sue teorie, che legano i fenomeni sismici agli effetti gravitazionali dei pianeti e della luna, quello che deve far riflettere è l’ennesimo caso di ottusità della comunità scientifica. Morto il personagio oggi non siamo in grado di capire come arrivasse a certe previsioni e cò a causa di decenni di dissapori e ostracismo da parte dei sismologi.

Invece di dargli contro a causa del suo non essere laureato, in effetti era un semplice falegname, dei veri scienziati avrebbero dovuto mettere seriemente alla prova le previsioni, facendosi spiegare la teoria ala base. Al povero Bendandi infatti mancava la nozione dell’uso del metodo scientifico, per cui i suoi studi non sono scritti per essere letti da terze parti, non sono esplicitati in ogni loro parte. Per me questa perdita di informazioni è stata una grave mancanza del movimento scientifico italiano dell’epoca, a cui non si può porre rimedio.
Il peggio è che ancora oggi si assiste a situazioni similari: chi è fuori della comunità istituzionalizzata non riesce a farsi ascoltare o viene deriso. Dove è finito lo spirito illuminista, l’assunto per cui le teorie scientifiche devono essere sempre in continua evoluzione?

Advertisements

-5

Ancora pochi giorni e finalmente avrò a casa la linea ADSL. Lunedì pomeriggio Kara will back in action!
La spesa inciderà un poco sul bilancio ma ritenevo fosse giunto il momento di farla.

In quest’ultimo mese mi è venuta più a noia del solito la politica italiana e l’informazione giornalistica. Non riesco a trovare un tg che mi aggradi in quanto ad obbiettività. Sopporto un pelo di più il Tg2 e vorrei conoscere meglio il TgLa7, ma dubito che si conformino alle mie idee in fatto d’informazione. E’ tutto un buttarla in sterile polemica o in denigrazione dell’altrui operato, per non parlare di quando si scherza senza motivo apparente. Manca la serietà.

Wow wow wow. Splinder si è completamete rifatto il look. Dovrò abituarmi a questa nuova veste. Carina comunque. (Finalmente l’opzione per la pubblicazione programmata dei post! Questo mi salverà la vita. E’ ora di rimettersi a scrivere a manetta.)

Che dire, la vita scorre sostanzialmente tranuqilla. Lavoro, casa, fidanzata, amici. I giorni di fine estae sono sempre un po’ strani, più noiosi del normale. Almeno io rovo più difficile restare stimolato su una cosa per più di un giorno. Malinconico. Per fortuna che in queste due settimane Paola vive da me quasi ogni giorno: un bel sorriso la notte e la mattina appena svegli è quello che ci vuole.

Sono tornato a leggere un libro impegnato nei contenuti, l’ultimo di Augias e Mancuso Disputa su Dio. Carino e ricco di spunti. Perchè se è vero che gli atei parlano sempre di religione, questo argomento è per me sempre fonte di interesse e stupore.
Ora a crucciarmi è la domanda: l’evoluzione non ha veramente uno scopo? Progredisce senza una meta precisa oppure c’è qualche legge che ci sfugge che la indirizza verso un costante aumento di complessità degli esseri viventi? Se i batteri unicellulari erano efficienti, perchè si sono evoluti gli esseri pluricellulari? Una risposta scientifica me la sono data, ma preferisco scriverla come si deve.

Tempus fugit

Ok ok, saranno settimane che non scrivo. E mi vergogno un po’  a dire che, sebbene ogni tanto abbia pensato al blog, non ho sentito così tanto la sua mancanza. Comunque spero le cose cambieranno presto. In vista c’è l’arrivo di una linea ADSL, sempre che la lite con Telecom vada a buon fine, e anche andasse male ci sono gli altri operatori.

Tra i cambiamenti già avvenuti invece c’è da segnalare il rinnovo del contratto di lavoro. Peccato per le condizioni contributive che sono rimaste invariate. Ora sta a me spronarmi per emergere e conquistare una minima posizione.

Non sarà un cambiamento ma è di sicuro un presagio, la presa del bouquet di una sposa da parte di Paola. Finalmente tocca a noi!