Secondo reportage di Presa Diretta, su RaiTre, sul fenomeno dell'evasione fiscale. Nello spezzone di servizio riservato ai fatti di Arzignano, ricco distretto veneto della conceria, due frasi mi hanno colpito.

"Trovo stranissimo constatare la non indignazione della gente" dice il comandante della GdF parlando del giro di evasione scoperto nel paese.
Io sono il primo a non stupirmi od indignarmi. Come sarei il primo ad evadere il fisco ne avessi la possibilità. Di fronte alle tasse, toccato nel portafoglio ( da buon picuta biellese) ecco crollare miseramente il mio senso civico.
Paola mi spiegò bene questo atteggiamento all'epoca di un suo esame. Ricade nell'insieme dei delitti dei colletti bianchi, che il pubblico non percepisce come gravi reati perché non lesivi direttamente della persona.

"E' dal dopoguerra che funziona così…con quei soldi si è costruito Arzignano" commentava un intervistato.
Intendendo che gli imprenditori della zona, ma suppongo essere un atteggiamento diffuso in Lombardia e Veneto, hanno reinvestito buona parte di questi fondi distratti all'erario nell'azienda o nella comunità, magari creando infrastrutture necessarie a migliorare il proprio business. Cosa questa che invece non è mai avvenuta nel Biellese, dove si preferiva far cassa e tacconare piuttosto che investire sul nuovo.
Lo stesso vicesindaco di Arzignano, intervistato denuncia che i soldi del fisco sono mal ripartiti dal Governo centrale, sottintendendo che evadere mantenendo i capitali nella zona d'origine è quasi meglio.

Diciamo che sistemi di evasione così estesi ed endemici su di un territorio possono creare delle sacche antientropiche di benessere diffuso e migliore qualità della vita. E se ora le indagini dovessero far entrare in crisi il distretto? A chi daremmo la colpa per i licenziamenti?
Sono sicuro, dati i molti esempi di paesi virtuosi, che se tutti pagassero il giusto la pressione fiscale diminuirebbe, ma dubito fortemente sia un traguardo raggiungibile in Italia. Qui è tutto da rifare, non si tratta soltanto di lotta all'evasione, ma di regole semplici e chiare e di un diverso atteggiamento del cittadino. Una rivoluzione economica troppo violenta per una società ormai statica.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: