Capitolo 25

Allontanarsi per tornare. Su questo aspetto ho puntato la mia pratica di riflessione quotidiana.
Tornare non è una sconfitta, ma un nuovo grado di consapevolezza. Non si torna perché ciò che fu era meglio, ma perché si è ampliato il punto di vista e si capisce che tutto è uno.
Ci si allontana spinti da idee fallaci, dubbiosi sul vero senso della realtà, si torna carichi della realtà stessa, che fondamentalmente è il Tao. Un solo concetto che basta per tutto.

E ben inteso il verso precedente non dispregia l'errare, che anzi è un attributo del Tao. Siamo su un via, bisogna percorrerla, non stare fermi. Lasciarsi guidar da essa senza accelerare o frenare o svoltare o fermarsi, la strada è il ritmo stesso. Solo così potremo allontanarci confidenti che torneremo e saremo più saggi.

Dopo un primo periodo di metabolizzazione del Tao e conseguente cambiamento di dogmi, ho scoperto che alcune convinzioni che pensavo accantonate si sposano assai bene al nuovo punto di vista, o meglio hanno assunto un significato più ampio e meno settoriale.
Sono ritornato.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: