Emotional? Emorroid? Emoticons? Emofiliaco?
Nessuno sa definire con certezza i contorni di questo movimento giovanile. Tanto meno i membri stessi.

I commenti al recente servizio de Le Iene in merito sono piuttosto discordanti. L'aspetto del sesso non protetto, promiscuo e in età troppo precoce è ovviamente il più criticato. Poi c'è chi prende le distanze da quanto mostrato e raccontato sugli emo in tv, spesso dicendo che quelli non sono veri emo, che quasi infangano la categoria. Però gli stessi commentatori non mi paiono in grado di autodefinirsi in modo univoco. Il che è comunque valido per qualsiasi movimento, in cui molte anime differenti convivono sotto una stessa bandiera.

Al di là delle singole visioni mi pare che gli emo non rappresentino una grossa novità. Già negli anni '90 c'erano compagini giovanili che lamentavano noia e depressione per il vivere in una società da cui non si sentivano rappresentati o apprezzati. Erano gli anni del grunge dei Nirvana, i cantastorie di quei tempi. Gli argomenti di fondo sono gli stessi, cambia però il modo in cui vengono vissuti.

La generazione emo è costruita sull'apparenza perché non sei emo se non ti fai riconoscere come tale (sei solo il classico sfiato depresso). E' un movimento più estetico che di concetto, come è quasi normale aspettarsi in un tempo in cui televisione e nuovi media sono i padroni del nostro sentire. Non dico che sbaglino a fare così, scelta loro, ma mi chiedo quanto se ne rendano conto e quanto se ne rendano conto i loro genitori. Dall'intervista de Le iene pare che in questi casi la famiglia sia assente, lasci fare. Un errore gravissimo che rischia di bruciare la vita ai proprii figli.

Advertisements

3 thoughts on “

  1. arimichan says:

    sarò un po' di parte, ma i Nirvana erano 10000 volte meglio di qst spaventapasseri depressi…

  2. karagounis78 says:

    Ok che i Nirvana hanno fatto un po' di storia del rock, anche per via di Kurt e della sua morte.Comunque alcuni di questi gruppi attuali non sono malvagi. Ti dirò che alcuni singoli dei Tokyo Hotel non mi dispiacciono affatto.

  3. arimichan says:

    sisi, anche a me non dispiacciono (moonson x esempio la trovo carina!).Se poi confronti billie kauliz (o come si chiama) con Axl Rose ai tempi di Welcome to the Jungle ci sono molte somiglianze (dal punto di vista estetico, il taglio di capelli ad esempio!)kurt cobain è stato solo un codardo, con tutto il rispetto che si deve ad una xsona che non c'è +, si è praticamente gettato via…. che triste… 😦

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: