Capitolo 54


Ancora una volta la traduzione italiana che ho scelto di pubblicare come riferimento non rende bene il testo e quindi ne distorce il messaggio. Preferisco quindi riferirmi ad una versione inglese: Chapter 54.

Questo capitolo potrebbe essere la summa della filosofia morale taoista. Lo snodo centrale è la divisione a strati della società: ogni strato può raggiungere una certa virtù praticando gli insegnamenti del Tao ma è importante tenere gli strati separati. L'uomo va giudicato in quanto uomo, il villaggio in quanto villaggio e come tali devono comportarsi. Coltivare nella comunità la stessa virtù di un uomo non renderà gli stessi frutti, perché sono enti non paragonabili. I livelli sottostanti concorrono a formare e a far crescere quelli superiori, nel classico processo in cui l'insieme è maggiore della somma, ma la via opposta crea soltanto confusione. Non si può ritenere un livello superiore colpevole per la mancanza di virtù di quello inferiore.

Advertisements

One thought on “

  1. […] suggerisce che la relazione deve essere unidirezionale verso i gruppi più grandi. Scrivevo già a Settembre 2011  commentando questo stesso capitolo: l’uomo va giudicato in quanto uomo, il villaggio in […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: