Teodicea

Sto leggendo la voce di wikipedia realtiva a questa branchia della teologia. Come dice il termine si tratta del ramo che studia la giustizia divina.
Mi pare molto interessante capire ciò che ne scaturisce perchè evidenzia alcuni aspetti della natura divina che solitamente non vengono presi in considerazione. Solitamente infatti si pensa a Dio come ad un essere buono e giusto, che concede il libero arbitrio ma ne punisce l’eventuale cattivo uso fatto contro i suoi dettami. Non ci vedete una profonda umanizzazione della divinità, non troppo differente da quella che caratterizzava il politeismo classico se non per l’accento posto soltanto sugli elevati attributi di Dio, giustizia e bontà?

Tuttavia, e qui si sono già in passato intrecciati fioretti filosofici, Dio è sommamente ed infinitamente buono e giusto, è l’essere perfetto, il vertice di ogni cosa. Può dunque un essere così sommo essere in grado di distinguere e tenere separate le diverse qualità? Lasciare la libertà di peccare andrebbe a danno della somma giustizia, che è per sua natura egualitaria, e viceversa essere egualmente giusti va a scapito della libertà individuale concessa. In più, come nota Bayle, Dio è onnisciente ed onnipotente, altre due qualità somme che vanno a danno di bontà e giustizia. Se so che verrà fatto del male e non lo impedisco, non sono certamente nel giusto e non posso dirmi buono.

In sostanza dove voglio arrivare: un Dio immensamente sommo ha le mani legate dal suo stesso essere perfetto. L’avere caratteristiche perfetee richiede necessariamente che queste vengano esplicate alla perfezione, il che significa sapere tutto e fare tutto perchè giustizia e bontà siano sempre rispettate. In un simile contesto non dovrebbe esistere il male e nemmeno il libero arbitrio che ne è il precursore, anzi non dovrebbe esistere nulla. Un Dio siffatto concepirebbe soltanto un universo indistinto nelle sue componenti, un brodino di materia ed energia perfettamente uniforme e xxxx. Riconoscerete sicuramente in qesto punto di vista il seme dell’ateismo.

La salvezza di Dio passa soltanto attraverso al sua corruzione da essere sommamente perfetto, nel qual caso potrebbe dotarsi di libero arbitrio lui stesso e decidere quali siano le regole che definiscono la giustizia e quindi la bontà. Onniscienza ed onnipotenza, che sono qualità passive, intrinseche, possono permanere ma se ne potrebbero non sfruttare le potenzialità. Certo però rimarrebbe sempre il grosso tarlo che le sofferenze terrene siano distribuite in maniera non equa in relazione alla bontà del singolo, ed anzi che Dio si diverta a veder soffrire i buoni, salvo poi premiarli nella vita ultraterrena, qualora esista. Personalmente non me la sentirei di votarmi ad un Dio così imperfetto e discrezionale. Tuttavia è comprensibile, alla luce di tanti studi antropologici, che si sia arrivati ad un simile concezione di divinità, che è quasi perfetta, irraggiungibile sicuramente, e che raccoglie le migliori qualità dell’animo umano. Dio infatti non può in ogni caso essere concepito come in parte malvagio. Come diceva Sant’Agostisno egli è il sommo bene, mentre il creato da lui è un bene corruttibile. Il male visto come corruzione del bene e sovvertimento dell’ordine stabilito, l’anelare sempre al bene superiore e non confondere i beni materiali con esso, è un concetto che mi pare richiami dottrine mistiche, orientali. E applicandola nasconde strani scherzi.

Si dice che Gesù fattosi uomo abbia voluto condividere le sofferenze dell’umana gente e quindi rivelare con questo una possibile redenzione dal peccato. E se invece le sofferenze di Gesù, prendiamolo come una parte della divinità che si è temporaneamente separata da essa, siano dovute al fatto che abbia voluto sperimentare i beni corruttibili e quindi sia stato punito per la sua rinuncia al vero bene superiore? Interessante riflessione, ricca di eresia direi.

Le società

Non è tanto il capitalismo o il liberismo sfrenato a rovinare fette della società. Non lo è nemmeno il comunismo. Tutto sta nel come i sistemi vengono applicati e nelle loro deviazioni.
Guardo TV7, rubrica del Tg1, e vedo un servizio su Scampia. Le famose Vele, quei palazzoni enormi e fatiscenti. Mi chiedo, come hanno potuto degli architetti pensare che riunire un numero elevato di persone in palazzi stile formicaio potesse giovare alla qualità della vita, alla formazione di una comunità. L’unica comunità creatasi è quella del degrado e della malavita. Accumulare persone come merci, materie prime dalle quali estrarre lavoro, meglio se abasso costo, è una devianza.

Advertisements

One thought on “

  1. pibond says:

    Secondo me Cristo non è venuto per umanizzarsi, ma per salvarci. Il Cristinesimo è religione di salvezza. Per quanto riguarda la teodicea, ho scritto qualcosa in merito.
    http://www.pibond.it/argomenti/l_attimo_fatale/destino_male_liberta.htm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: